Lega Invalidi O.N.L.U.S.

Il nuovo decreto "Terra dei fuochi"

E-mail Stampa PDF

Terra dei fuochi, via al decreto legge con il carcere per chi provoca i roghi e i militari per i controlli

ROMA - Monitoraggio e classificazioni dei suoli; accertamento dello stato d'inquinamento dei terreni; riforma dei reati ambientali, con l'introduzione della nuova fattispecie di combustione illecita di rifiuti; accelerazione e semplificazione degli interventi necessari, con la previsione di risorse per le bonifiche; possibilità di utilizzo dei militari su richiesta dei prefetti. È quanto prevede il decreto legge approvato questa mattina dal Consiglio dei ministri per l'emergenza nella cosiddetta 'terra dei fuochì. Il testo interviene anche per far fronte ad altre situazioni critiche dal punto di vista ambientale ed industriale, come quelle legate all'Ilva.

 

Permessi da Legge 104 e pensioni: salta l'emendamento

E-mail Stampa PDF

La Fish fa sapere che la Commissione Bilancio ha bocciato per mancanza di copertura l'emendamento che sanava nel disegno di legge Fornero la questione su pensione anticipata e conteggio permessi da legge 104

Nelle scorse settimane la FISH - Federazione Italiana per il Superamento dell'Handicap - ha evidenziato il forte e crescente disappunto diffuso fra le persone con disabilità e i loro familiari in merito ad un particolare aspetto della riforma pensionistica "Fornero" che sta facendo sempre più sentire il suo peso: permessi e congedi per l'assistenza a persone con gravi disabilità incidono negativamente sul riconoscimento della cosiddetta "pensione anticipata".

 

Pensioni, assegni ridotti in legge di stabilità 2014: ecco le prove

E-mail Stampa PDF

Studio di Fipac Confesercenti: i pensionati si vedranno decurtate diverse centinaia di euro

La legge di stabilità 2014 ha già prodotto un risultato significativo: mettere d’accordo sindacati e partite Iva. Le parti sociali sono infatti concordi sul fatto che la finanziaria sarà un vero salasso per i pensionati , vanamente in attesa di una riforma e ora alle prese con le nuove norme. Il dubbio è: quanto ci rimetteranno effettivamente coloro che incassano l’assegno pensionistico?

Dopo le stime di Spi-Cgil, anche Fipac Confesercenti prova a mettere ordine nelle nuove norme che riguardano i pensionati: ecco l’esito dello studio.

Di seguito il comunicato di Fipac Confesercenti:

Il ddl di stabilità per il 2014 incide negativamente sui pensionati, comportando una riduzione del reddito disponibile dell’ordine di 300 euro per i livelli di pensione più diffusi.

 

IMU, Tares e ServiceTax

E-mail Stampa PDF

I.M.U., TA.R.eS., e ServiceTax: ecco le nuove tassazioni a partire da Ottobre 2013

A partire dal 30 settembre i Comuni hanno tempo per approvare i loro bilanci di previsione e quindi stabilire le aliquote 2013 per l'Imu e per la Tares.
Verso il 15 ottobre dovrebbe arrivare la legge di Stabilità dove verrà formalizzata l'abolizione anche della seconda rata dell'Imu per chi non ha pagato quella di giugno. Il Consiglio dei ministri del 28 agosto infatti non ha abolito il tributo per l'abitazione principale, gli immobili assimilati e i terreni agricoli, ma ha solo sancito un accordo politico in tal senso; in questo mese e mezzo bisognerà trovare la copertura necessaria per fare fronte al buco nelle entrate.
A dicembre i comuni dovranno obbligatoriamente chiedere l'ultima rata 2013 della Tares, la nuova imposta dei rifiuti; la rata comprenderà anche una maggiorazione di 30 centesimi a metro quadrato da versare alle casse erariali, Un recente pronunciamento del ministero dell'Economia ha escluso la possibilità di ulteriori dilazioni ai primi mesi del 2014. Per ora i comuni hanno inviato i bollettini per il pagamento delle prime rate che coprono i 2/3 dell’importo totale. La seconda rata per il 2013 (saldo Imu) rimane invariata al 16 dicembre.
Tra maggio e luglio 2014 i proprietari di immobili soggetti nel 2013 a Imu e non locati dovranno fare i conti dell'Irpef da pagare sul valore catastale delle loro proprietà.

 

Farmaci e cibi scaduti, chiuse 18 strutture per disabili.

E-mail Stampa PDF

Operazione dei Nas in tutta Italia che ha portato alla chiusura di 18 strutture per disabili e anziani. Durante i controlli per verificare le condizioni igienico sanitarie.

I carabinieri hanno scoperto anche confezioni di farmaci e cibi scaduti. La Task Force voluta dal Ministro della Salute Beatrice Lorenzin, ha preso di mira 1000 obiettivi dislocati su tutto il territorio nazionale finiti sotto la lente di ingrandimento dei 38 NAS, che hanno segnalato 102 persone all'Autorita' Giudiziaria e 192 a quella sanitaria; accertato 174 violazioni penali e 251 amministrative. Due delle 18 strutture chiuse sono state poste sotto sequestro.
I militari dei Nuclei hanno verificato anche la regolarita' delle figure professionali (medici e infermieri) operanti. In particolare, i Carabinieri del

 

Garante privacy: la trasparenza della pubblica amministrazione non deve trasformarsi in un pregiudizio per i cittadini più deboli

E-mail Stampa PDF

È quanto affermato da un componente dell’Autorità Garante per la privacy, prof. Califano, nel seminario organizzato dalla stessa Autorità, ove è stato ribadito che è indispensabile operare un corretto bilanciamento tra le finalità connesse alla pubblicazione delle notizie sull’attività amministrativa ed il diritto alla riservatezza e alla dignità delle persone.

L’attenzione è stata focalizzata proprio sui rischi per la vita privata derivanti dalla diffusione indiscriminata e generalizzata di dati personali, basata su un malinteso e dilatato principio di trasparenza. Dunque è stato posto l’accento sulla necessità che l’accessibilità alle informazioni del settore pubblico si coniughi con la tutela della privacy dei cittadini, partendo da coloro chericevono sussidi economici pubblici in quanto versano in particolari condizioni di bisogno e disagio sociale.Sono stati, poi, ricordati i profili problematici sollevati dal Garante e i suggerimenti accolti dal Governo riguardo alle nuove norme sulla pubblicità e trasparenza entrate in vigore con il D.Lgs. 33/2013.

 

Nuovo aumento dell'I.V.A.

E-mail Stampa PDF

L'Iva aumenta al 22% e toglie alle famiglie altri 120 euro all'anno

Gli ultimi, flebili, dubbi sono definitivamente caduti stamane, quando una circolare dell'Agenzia delle Entrate ha confermato che dal primo ottobre 2013 scatterà regolarmente il previsto aumento dell'aliquota dal 21% al 22%, aliquota che riguarda numerosi beni e prodotti di largo consumo, come elettrodomestici, computer, telefoni, mobili, giocattoli, articoli sportivi, strumenti musicali, ma anche auto, moto, biciclette, natanti, carburanti (si stima un aumento del prezzo alla pompa della benzina di circa 1,5 centesimi di euro al litro, quello del diesel di 1,4 ed il Gpl di 0,7), capi d'abbigliamento (comprese le calzature o gli indumenti per i neonati), i prodotti per l'igiene e la pulizia, i profumi e i cosmetici, i prodotti di cancelleria e le parcelle di professionisti e società di servizi.

 


Pagina 9 di 21

Cerca

Chi è online

 32 visitatori online

Sostienici

Grazie per la vostra donazione.

Importo: 


5 X 1000

5 x 1000

ISCRIVITI

Iscriviti al nostro sito. Registrandoti gratuitamente potrai accedere alle aree riservate agli utenti quali "Dì la tua" sezione dove esporre i tuoi pensieri e le tue opinioni, e "Statuto".

In più, verrai aggiornato sulla propria mail di tutti i nuovi articoli pubblicati sul sito mediante il Servizio Newsletter.

Che aspetti, iscriviti!!!


 


I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I cookie utilizzati per il funzionamento essenziale di questo sito sono già stati impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedete la privacy policy.

Accetto i cookie da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information