Home News Imu-bis, rischio-stangata per i contribuenti

Imu-bis, rischio-stangata per i contribuenti

E-mail Stampa PDF

E' la tassa di scopo istituita da prodi e ora inserita di soppiatto nel decreto fiscale.
Stessa base imponibile, la rendita catastale (innalzata del 60 per cento dal Salva-Italia), aliquota fino ad un massimo del 5 per mille, colpisce tutti gli immobili.

E' una norma messa a sorpresa nel decreto sulle semplificazioni fiscali alla Camera e scoperta dal quotidiano La Repubblica. E' un'imposta di scopo nelle mani di sindaci per finanziare le opere pubbliche comunali. Ma anche una nuova tassa sul mattone. Eppure c'è molto scetticismo da parte dei sindaci nell'applicazione della norma, per non aumentare la pressione fiscale sui contribuenti-elettori.
IL PERCORSO DELL'IMU-BIS - Questa tassa di scopo ha avuto un iter particolare. E' stata istituita da Prodi con la Finanziaria 2007, doveva essere la leva dei Comuni a parziale copertura delle opere pubbliche. Utilizzata pochissimo - scelta da neanche una ventina di città - è finita poi nel decreto sul Federalismo fiscale dello scorso anno che a sua volta rimanda a un regolamento da emanarsi entro il 31 ottobre 2011. Caduto nel nulla. E allora è stata inserita nel decreto Semplifica-Italia che rende così l'imposta più appetibile. Sotto tre aspetti: applicata per il doppio del tempo, fino a 10 anni dai 5, finanzierà il 100% delle opere, non più il 30, estesa anche alle prime case.

POZZO SENZA FINE - E' però un'altra tassa sul mattone. Il motivo è chiaro. L'imposta funziona come l'Imu: stessa base imponibile, la rendita catastale (innalzata del 60 per cento dal Salva-Italia), aliquota fino ad un massimo del 5 per mille, colpisce tutti gli immobili. Aumentano poi anche le opere finanziabili, come il restauro e la conservazione di monumenti e palazzi storici, oltre che nuovi spazi per eventi, potenziamento del trasporto locale, arredi urbani significativi, giardini, musei. I sindaci individuano le opere, scelgono l'aliquota e i tempi di imposizione ed emettono il regolamento che disciplina l'imposta. Il mancato inizio dell'opera, entro due anni dal progetto, impone la restituzione dell'imposta. Allarmata Confedilizia, l'associazione che rappresenta i proprietari di case, secondo cui la tassa sarà scelta da un numero crescente di comuni, doppia rispetto alla precedente (nella durata) e graverà solo su una categoria di contribuenti: i proprietari.

 
Banner

Cerca

Chi è online

 75 visitatori online

Sostienici

Grazie per la vostra donazione.

Importo: 


5 X 1000

5 x 1000

ISCRIVITI

Iscriviti al nostro sito. Registrandoti gratuitamente potrai accedere alle aree riservate agli utenti quali "Dì la tua" sezione dove esporre i tuoi pensieri e le tue opinioni, e "Statuto".

In più, verrai aggiornato sulla propria mail di tutti i nuovi articoli pubblicati sul sito mediante il Servizio Newsletter.

Che aspetti, iscriviti!!!


 


I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I cookie utilizzati per il funzionamento essenziale di questo sito sono già stati impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedete la privacy policy.

Accetto i cookie da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information