Home News Il grande bluff dell'Inps: le visite fiscali non sono mai tornate

Il grande bluff dell'Inps: le visite fiscali non sono mai tornate

E-mail Stampa PDF

Ma le visite fiscali ci sono oppure no? I dirigenti Inps, con una circolare interna, avevano interrotto l'attività di controllo nel settore privato il primo maggio 2013. Colpa della spending review imposta dalla legge di stabilità, che ha imposto tagli per 500 milioni. Le proteste dei medici, che avrebbero rischiato il lavoro, e le cifre, che denunciavano un costo sociale assai superiore ai risparmi, avevano portato alla marcia indietro. E così il 19 giugno, l'Inps inverte la rotta e comunica la "ripresa" dei controlli. Passata l'estate però, l'Associazione Nazionale dei Medici di Medicina Fiscale (Anmefi) denuncia che i controlli sono calati di oltre il 90%.

E le cose sono peggiori di quello che sembra: in realtà le visite fiscali non sono mai riprese. Se nel 2012 i controlli sono stati 900 mila, nel 2013 si sono ridotti a circa 70 mila. Solo briciole. Per di più, quasi tutte le visite residue sono state effettuate nel corso dei primi quattro mesi dell'anno, ossia prima della sospensione. Di fatto da quella circolare del primo maggio, denuncia l'associazione dei medici, i controlli fiscali non sono più ripresi, se non "in percentuali residue prossime allo zero".

La motivazione è sempre la stessa: spending review. I costi sociali dell'operazione, però, sono ben più pesanti dei risparmi. Molti lavoratori italiani continuano a essere affetti dalla sindrome del malato immaginario. E a farne le spese sono, come sempre, gli onesti, costretti a lavorare per sè e per gli assenteisti.

I datori di lavoro che volessero verificare se i propri dipendenti sono davvero malati, sarebbero costretti a pagare le visite di tasca propria. Il prevedibile accrescere della spesa per indennità di malattia ricadrebbe su tutti i cittadini italiani. E ancora: circa 1400 Medici di controllo hanno già di fatto perso il lavoro, che per molti  rappresenta l'unica fonte di reddito. Medici con anzianità di servizio molto spesso intorno ai vent'anni.

Per l'Anmefi, "l'operato dei dirigenti Inps, che viola ogni logica di buon senso nella gestione delle spese dello Stato. Un dato diffuso spiega bene quali saranno le conseguienze: l'Inps spendeva ogni anno 50 milioni per le visite fiscali d'ufficio. Basta che ci sia un aumento dello 0,1% di assenze per malattia per far perdere alle casse dello Stato 100 milioni l'anno.

 

Fonte: www.affaritaliani.it

 
Banner

Cerca

Chi è online

 19 visitatori online

Sostienici

Grazie per la vostra donazione.

Importo: 


5 X 1000

5 x 1000

ISCRIVITI

Iscriviti al nostro sito. Registrandoti gratuitamente potrai accedere alle aree riservate agli utenti quali "Dì la tua" sezione dove esporre i tuoi pensieri e le tue opinioni, e "Statuto".

In più, verrai aggiornato sulla propria mail di tutti i nuovi articoli pubblicati sul sito mediante il Servizio Newsletter.

Che aspetti, iscriviti!!!


 


I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I cookie utilizzati per il funzionamento essenziale di questo sito sono già stati impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedete la privacy policy.

Accetto i cookie da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information