Lega Invalidi O.N.L.U.S.

Isee, nuovo metodo danneggia i disabili: “Pensioni invalidità assimilate a stipendi”

E-mail Stampa PDF

Le associazioni per i diritti delle persone con disabilità hanno presentato tre ricorsi al Tar contro l'aggiornamento del metodo di calcolo dell'indicatore indispensabile per accedere a prestazioni sociali agevolate. Chi riceve assegni e altre indennità risulta in molti casi "ricco" e perde il diritto a ulteriori aiuti o l'accesso alle case popolari.
Stop al nuovo Isee. La protesta dei famigliari delle persone disabili va avanti da mesi. La revisione dell’Indicatore della situazione economica equivalente rischia infatti di sfavorire soprattutto chi è in condizioni più gravi. Le novità sono state approvate dal governo a fine 2013, ma sono entrate in vigore solo a inizio 2015, dopo che a novembre un decreto del ministero del Lavoro ha predisposto i nuovi modelli per la dichiarazione sostitutiva unica (Dsu) a fine Isee. A essere coinvolti dalle modifiche sono milioni di persone, visto che la dichiarazione Isee è indispensabile per l’accesso a prestazioni sociali agevolate e aiuti per le situazioni di bisogno. L’Isee è stato ripensato anche per rendere il modello meno permeabile a elusioni e abusi. Ma ora sfavorisce i disabili più gravi. Queste almeno le accuse di diverse associazioni, che hanno presentato ben tre ricorsi al Tar, la cui sentenza è attesa a breve.

 

Slitta il canone Rai in bolletta , giallo sui tempi e realizzazione

E-mail Stampa PDF

Il sottosegretario Giacomelli chiude la porta all'inserimento del balzello nell'Irpef: "Troppo farraginoso". Intanto il governo prepara un pacchetto di emendamenti alla Stabilità, dall'ebola ai fondi Ue. Spunta l'ipotesi fiducia.

MILANO - Slitta il canone Rai in bolletta elettrica. Non saràdal gennaio 2015. Il sottosegretario allo Sviluppo Economico con delega alle telecomunicazioni, Antonello Giacomelli, chiude la porta alla possibilità di legare il balzello all'Irpef e torna a indicare la destinazione in bolletta, mentre il governo frena sui tempi: difficile che si riesca per gennaio 2015. Lo stop del governo, celato dietro la difficoltà di essere operativi per la prossima scadenza del canone, è arrivato dopo le critiche incrociate del Nuovo Centro destra che ha chiesto di riferire in Parlamento e del M5s.
Ad avviare il tema è stato Giacomelli, parlando a 24 Mattino di Alessandro Milan, su Radio 24: "Contiamo di presentare in Senato un emendamento alla legge di Stabilità per inserire questa norma con l'intenzione di renderlo effettivo già da gennaio dell'anno prossimo. Con questo strumento consideriamo di recuperare in modo pressoché totale l'evasione.

 

La nuova multa di €705 del M.I.T.

E-mail Stampa

Nuove lotte in arrivo per i corpi di polizia, soprattutto locali, che hanno sempre meno dimestichezza con l’italiano, figuriamoci con la normativa, a seguito dell’introduzione della circolare n°15513, del 10.07.2014, emanata dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti (di seguito M.I.T.).
Di certo, e non si parla di dote di chiaroveggenza, darà lavoro agli avvocati poiché, in molti saranno consultati. Quante persone, facenti parti delle forze dell’ordine, comprenderanno la circolare??? Sicuramente pochissime!
Analizziamola nel dettaglio:

 

Riforma della giustizia, modifiche all'art. 92 c.p.c.

E-mail Stampa PDF

Riforma della giustizia: d'ora in avanti chi perde paga le spese di giudizio. In arrivo la modifica all'art. 92 c.p.c.

"Chi perde paga" è uno dei leitmotiv di questi giorni inerenti uno dei cardini fondamentali della riforma della giustizia. Tra le misure introdotte nello schema di decreto legge varato dal Consiglio dei Ministri il 29 agosto scorso (Vedi: RIFORMA della GIUSTIZIA CIVILE, Consiglio dei Ministri 29.8.2014) - Tutte le novità: schema sul DECRETO LEGGE Renzi-Orlando  - Avv. Paolo Storani), nell'ambito del pacchetto di riforme che dovranno "rivoluzionare" il sistema giustizia e, in primis, il processo civile, c'è, infatti, il rafforzamento della previsione che chi soccombe nel giudizio è tenuto a rimborsare le spese del processo, limitando notevolmente i casi di compensazione.
Nulla di nuovo, in ordine al principio di procedura, notoriamente previsto dall'art. 91 c.p.c., secondo il quale le spese seguono la soccombenza.

 

Fabrizio Bracconeri minaccia Renzi: "Non toccare i disabili o ti scartavetro"

E-mail Stampa PDF

L'ex "ragazzo della III C" attacca il premier su Twitter.

Fabrizio Bracconeri soffre. Soffre di depressione, dovuta anche alle proprie difficoltà familiari.
Ha un figlio autistico, Emanuele, che "da ben dieci anni segue una terapia che costa 2400 euro al mese".

 

Imposte di bollo esclusivamente telematiche dal 2015

E-mail Stampa PDF

L'Agenzia delle Entrate ha approvato, (provvedimento n. 146313/2014), il modello per la dichiarazione dell’imposta di bollo assolta in modo virtuale con le relative istruzioni e le specifiche tecniche per la trasmissione telematica. D’ora in poi i contribuenti potranno pagare online le marche da bollo sulle richieste trasmesse in via telematica alla Pubblica Amministrazione e sui relativi atti. Anche con carte di credito, di debito o prepagate.
Il progetto, previsto dalla Legge di Stabilità 2015, insieme tra gli altri all'identità digitale, è uno dei tasselli chiave nell’ambito del percorso volto a dare nuovo impulso alla digitalizzazione dei procedimenti amministrativi, in un’ottica di semplificazione degli adempimenti a favore dei contribuenti.

 

Campobasso: garbuglio per 70mila euro

E-mail Stampa PDF
Protezione civile, assunti come disabili senza i requisiti: multati i direttori per 70mila euro
L’Ispettorato del lavoro di Campobasso ha sanzionato gli ultimi cinque direttori dell’Agenzia (Giuseppe Giarrusso, Alberta De Lisio, Riccardo Tamburro, Emidio Mastronardi e Sandra Scarlatelli) per gli omessi adempimenti assuntivi dal "concorsone" del 2012 ad oggi previsti dalla legge sulle categorie protette. L’indagine della Squadra Mobile ha evidenziato la presenza di soggetti che avevano autocertificato la loro invalidità pur non avendo tutti i requisiti. Solo l’ultima arrivata negli uffici di via Sant’Antonio Abate, Sandra Scarlatelli, ha "depennato" dall’elenco degli ammessi 4 persone su 15 e ora sta avviando le procedure per le nuove assunzioni.
 


Pagina 1 di 16
Banner

Chi è online

 1 visitatore online

Cerca

Sostienici

Grazie per la vostra donazione.

Importo: 


5 X 1000

5 x 1000

ISCRIVITI

Iscriviti al nostro sito. Registrandoti gratuitamente potrai accedere alle aree riservate agli utenti quali "Dì la tua" sezione dove esporre i tuoi pensieri e le tue opinioni, e "Statuto".

In più, verrai aggiornato sulla propria mail di tutti i nuovi articoli pubblicati sul sito mediante il Servizio Newsletter.

Che aspetti, iscriviti!!!